News Skip to content

News
Album Foto - Eventi ASIS Italy

 

 

 
Recensione Stampa ASIS Italy - S News Online

 

ASIS: la Security è un lavoro di squadra

CONDIVIDI

Si è tenuto ieri, giovedì 27 giugno, in Piazza degli Affari a Milano, l'Evento AIPSA - ASIS "Analisi e Tutela delle Informazioni Strategiche in Azienda". Ricco l'elenco dei Relatori che hanno approfondito i temi relativi agli innovativi strumenti per tutelare il patrimonio informativo presente in Azienda, alle strategie ed agli strumenti di competitive e business intelligence utilizzati per analizzare i Big Data e le Informazioni al fine di rendere ancora più competitiva l'Azienda, e molto altro.

Gremita la Sala Convegni della sede Telecom in Piazza degli Affari ed attiva la partecipazione degli intervenuti all'evento, considerato lo spessore dei relatori e l'importanza e l'attualità delle tematiche affrontate.

Di recente S News ha incontrato Genseric Cantournet, Presidente ASIS International Italy Chapter, che ha presentato i punti cardine del suo mandato e l'importanza delle iniziative che ASIS International Italy Chapter propone attivamente su vari temi di attualità e forte interesse.

Presidente Cantournet, da circa 10 mesi lei è stato eletto a guida di ASIS International Italy Chapter, ed oggettivamente si è notato subito un gran proliferare di iniziative, di azioni, anche sul fronte delle relazioni e delle sinergie. Quali i punti cardine del suo mandato, quali i focus sui quali sta lavorando con il suo comitato esecutivo?
L’unico mandato valido è quello della soddisfazione dei soci di ASIS International - Chapter Italy. Si tratta quindi di capire quali siano i loro interessi professionali anche in termini di sviluppo personale o di networking. ASIS International - Chapter Italy tenta di declinare tale esigenza secondo tre assi di lavoro: approfondimenti professionali su tematiche  anche specialistiche, diffusione della cultura di Security grazie a comunicazioni dirette alle altre funzioni aziendali e giusta visibilità della professione. Il programma, molto denso, è ovviamente frutto di un lavoro di squadra del Comitato Direttivo, i cui membri, per origini, percorsi ed esperienze è particolarmente professionale, complementare nonché molto dinamico. Il CD è composto da Luigi Romano, Vice Presidente, Alberto Limone, Past-President, Gianna Detoni, Marco Bavazzano, Roberto De Sortis, Alessandro Lega, Remo Pincelli e Roger Warwick.
Da questa squadra, che rappresenta ASIS anche a livelli internazionali, tramite Gruppi di Lavoro normativi di alto livello ed Eventi, nasce l’insieme delle iniziative svolte e quelle che verranno.
Oltre al perimetro ASIS, lavoriamo in piena sinergia con altre associazioni: AIPSA, Federmanager, AIDP, ANRA, ANDAF e BC Manager nonché Enti quali l’UNI con lo scopo di scambiarci esperienze, imparare e fare cultura insieme per diffondere le professionalità di chi sa professionalmente gestire rischi e tutelare le aziende.
ASIS International - Chapter Italy ha recentemente ricevuto un premio per la crescita del numero di iscritti: un segnale che abbiamo colto con legittimo orgoglio e che ci costringere all’umiltà di dover fare ancora meglio per la sempre maggiore soddisfazione dei Soci.


Tra le recenti iniziative, il convegno estremamente partecipato, addirittura in overbooking, sul Risk Management. Perché tanta attenzione sul tema?
Lo scenario macro-economico e le relative condizioni di mercato rendono le aziende particolarmente cash-flow driven, quindi sensibili ai costi, particolarmente quelli fissi. D’altro lato, la Security è un attività threat-based non sempre pianificabile, le cui azioni di mitigazione sono sempre bilanciate dal giusto rapporto efficacia/costo e quindi sempre in continuo mutamento. Banalmente, capire se un rischio è trasferibile o meno porta a decisioni molto diverse. Si tratta in sintesi di cogliere i rischi in grande anticipo per avere il tempo di mitigarne le conseguenze nel modo più appropriato anche in termini di opportunità e costi. Da un lato, il pericolo delle conseguenze del rischio, dall’altro decisioni che devono essere economicamente sostenibili: due componenti di una miscela sempre instabile che va gestita con attenzione dalle aziende.


A quando un nuovo prossimo convegno? E poi la vostra partecipazione attiva a Medity,il 14,15,16 giugno a Caserta, con il tema della Sicurezza Marittima. Perché questi temi, quale la loro valenza al momento attuale?
La gestione del patrimonio informativo è un tema di grande attualità: nel 2012, i danni provocati dalla fuori-uscita di informazioni riservate, anche tramite social-engineering, ammontano a 4,2 miliardi di €, secondo il Corporate Trust Study “Industrial Espionage”. Sicuramente a breve organizzeremo un evento in tema, molto probabilmente unitamente ad AIPSA.
D’altro canto, gli esempi mediatici sulla necessità di una Sicurezza Marittima coordinata non mancano, come già letto sull'intervista da voi fatta al nostro Vice President Luigi Romano, (ndr. S News 11-12 pagg 66) riguardo agli standard ISO28007 sulla Sicurezza Marittima e ASIS PSC.1 "Management System for Quality of Private Security Company Operations" per la gestione di un sistema per la qualita' delle operazioni svolte dalle Societa' di Sicurezza Privata (PSC).
Ma la scelta di questi temi non è frutto di un processo discreto di selezione di argomenti. Sono ambedue componenti dello stesso trend: cioè il fatto che le aziende, i dipendenti, le informazioni che vi circolano e gli assets sono prede sempre più appetibili di attività illecite e, pertanto, vanno tutelati in proporzione.


Partendo proprio da queste considerazioni, come vede il futuro del settore, come legge le situazioni attuali nell'ottica del domani della sicurezza?
Parlare di futuro è sempre difficile. Si possono tutt'al più considerare i trends attuali per dedurne le necessità in avvenire. In tale contesto citerei gli aspetti normativi della nostra professione: la necessità di regolamentarla , secondo quali modalità e quali metriche? A seguire, la necessaria convergenza, anche organizzativa, delle attività di Security nelle aziende. Necessaria per superare le frammentazioni funzionali che creano spiragli di vulnerabilità in un contesto di rischi non più discreti, ma il cui spettro è ormai senza soluzioni di continuità. ASIS International - Chapter Italy, nella persona di Alessandro Lega, ha direttamente contribuito alle recenti riflessioni a livello europeo sull’Enterprise Security Risk Management, cioè il processo di gestione dei rischi in modo sia attivo che passivo indipendentemente dalle strutture organizzative aziendali. Il gruppo di lavoro, l’ASIS International Security Convergence European sub-committee ha tra l’altro prodotto unitamente all’EAPM (European Association for People Management) guidata da Filippo Abramo, il “Manifesto of the Business Support Function Associations”. Il documento promuove, per l'interesse aziendale, il fatto che le funzioni deputate al supporto del Business, tra le quali la Security, lavorino insieme, come se fossero ingranaggi di un orologio.

a cura di Monica Bertolo

Evento AIPSA - ASIS "Analisi e Tutela delle Informazioni Strategiche in Azienda"

CONDIVIDI

"La Tutela delle Informazioni in Azienda è un argomento di grande attualità che non sempre viene affrontato con la professionalità e la pragmaticità necessarie. Nostro obbiettivo è stato pertanto quello di invitare Relatori di altissimo livello e competenza". Così si esprime Luigi Romano, CISM – VP & Secretary ASIS Italy, relativamente all'Evento AIPSA - ASIS "Analisi e Tutela delle Informazioni Strategiche in Azienda", che si terrà a Milano in Piazza degli Affari, 2, il 27 giugno.

Ecco l'elenco dei Relatori che approfondiranno i temi relativi agli innovativi strumenti per tutelare il patrimonio informativo presente in Azienda, alle strategie ed ai strumenti di competitive e business intelligence utilizzati per analizzare i Big Data e le Informazioni al fine di rendere ancora più competitiva l'Azienda, e molto altro.

- Damiano Toselli, Presidente AIPSA -Telecom Italia spa
- Genseric Cantournet, Presidente ASIS Italy - Telecom Italia spa
- Fabio Caglià, GM Auxilia Group
- Massimo Cappelli, OPM Global Cyber Security Center
- Francesco D'Auria - Corporate Security Director Pirelli spa
- Prof. Francesco Farina, Master "Intelligence Economica" UniRoma 2
- Alberto Gramegna, CISO Pirelli spa
- Massimo Ignesti, Corporate Security & Intelligence - Eni spa
- Alberto Limone, Past President ASIS Italy - Ulisse L.A. Srl
- Andrea Melegari, COO Intelligence Division - Espert System spa
- Milena Motta, Presidente SCIP Italy (Strategic and Competitive Intelligence Professionals - Italy)

Per ulteriori informazioni e per partecipare all'evento, scrivere, entro il 25 giugno, a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. .

la Redazione

Medity & ASIS insieme con "La Pirateria Marittima: casi, norme, standards, problematiche e soluzioni tecnologiche per prevenirla e combatterla"

CONDIVIDI

Caserta. Si terrà Venerdì 14 con inizio alle ore 16:00 in Agorà Torre dell'Orologio a Medity il Workshop organizzato da ASIS Italy ed S News sulla Pirateria Marittima.

Di altissimo livello i relatori, che qui di seguito presentiamo:

Carlo Biffani, Direttore Generale di Security Consulting Group e Presidente di Assosecurnav. Esperto di sicurezza, intelligence e consulente di numerose testate giornalistiche e televisive, noto agli addetti ai lavori, ma anche al grande pubblico, grazie alle sue numerose partecipazioni a "Porta a porta", a "Matrix" ed altre trasmissioni televisive. Autore di un libro sulla pirateria marittima e relatore sullo stesso tema alla Commissione Difesa del Senato;

Luigi Romano, CISM - Vice President & Secretary ASIS International Italy Chapter;

Claudio Pantaleo, Consulente Aziendale Security & Safety - CSO, MdL e Componente Comitato Scientifico S News;

Giancarlo Valente, Security Manager e Coordinatore Comitato Scientifico S News.

Per quanto attiene al programma, eccolo negli specifici punti:
- Introduzione
- Missioni anti-pirateria al largo del Corno d’Africa
- La Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare
- Le risoluzioni CdS in materia di pirateria
- Pirateria e altri fenomeni di violenza sui mari
- Pirateria e traffico di armi
- La repressione penale
- Le best practices e le line-guida dell’IMO
- Lo standard PSC.1 Private Security Contractors ASIS/ANSI
- La legge italiana per l’imbarco di team armati militari e di contractors a bordo di mercantili
- Legislazione italiana che regolamenta le figure degli organi militari e dei contractors
- Responsabilità civile per danni al personale ingaggiato
- Assicurazioni contro danni della pirateria
- Controversia tra Italia e India sull’affare Enrica Lexie
- Il foro internazionale competente a giudicare la controversia inerente l’affare Enrica Lexie
- Problema dell’immunità funzionale dei due fucilieri della marina militare
- Dibattito sull’istituto dell’immunità funzionale
- Strumenti tecnologici per combattere la pirateria
- Conclusioni

Come ha sottolineato Luigi Romano, "Certi della bonta' della coraggiosa iniziativa ed in collaborazione con S News abbiamo deciso di patrocinare il 1st Expo Mediterranean Security e di contribuire al successo dell'evento con un tema a noi caro, vale a dire il recente ANSI/ASIS Standard PSC.1 sui Private Security Contractors e la pirateria marittima".

L'argomento ed il livello del workshop stanno destando molto interesse.

Un simpatico gadget tecnologico è previsto da parte di ASIS per chi partecipera' attivamente e costruttivamente al Workshop.

Appuntamento quindi a Medity!

la Redazione

ASIS: lotta al terrorismo ed impegno nel sociale

CONDIVIDI

Torino. I Presidenti ed i Soci del Rotary Club Torino Matteotti e Torino Sud-Est si sono seduti intorno allo stesso tavolo con Luigi Romano, Vice President ASIS International - Italy Chapter, per parlare di temi quali la lotta al terrorismo e la lotta contro la Poliomelite contribuendo, grazie ad una conferenza di beneficienza, ad eradicare la polio con campagne d'immunizzazione nei Paesi in via di sviluppo dove questa terribile malattia continua a contagiare e paralizzare i bambini derubandoli del loro futuro.

È stata una serata di grande partecipazione quella che si è tenuta all'NH Hotel di Torino il 12 febbraio scorso grazie all'attenta regia di Riccardo Perinetto, Presidente del Rotary Club Torino Matteotti, di Lorenzo Porro, Segretario del Rotary Club Torino Matteotti e di Mario Sommadossi, Presidente del Rotary Club Torino Sud Est.

Relatore d'eccezione, Luigi Romano, che, alla presenza anche della giornalista del Giornale Radio Piemonte, Margherita Costa,  partendo dai fallimenti degli apparati di intelligence negli ultimi anni, quali gli attacchi terroristici di Londra, Mumbai, Madrid e New York, ha intrattenuto i presenti su tematiche quali la lotta al terrorismo grazie a nuove tecnologie di intelligence quali le evolute piattaforme di intelligence basate sull'analisi semantica e Trapwire che consiste in un sistema che incrocia diverse fonti opensource con le riprese delle telecamere di sorveglianza di alcuni punti di grande interesse delle metropoli, promettendo così la prevenzione del crimine attraverso l'analisi automatizzata di questi dati e la ricorrenza di presenze, targhe automobilistiche o dispositivi elettronici.

Problematiche di privacy rilevate e discusse, Romano si è soffermato anche sul sistema WeCU per l'analisi delle microespressioni, teorizzate dal prof. Ekman e l'analisi delle variazioni di battito cardiaco, grandezza iride, temperatura corporea in soggetti potenzialmente pericolosi nonché di altri sistemi di analisi del body language in ottica antiterrorismo ovvero:

-  i sistemi FAST (Future Attribute Screening Technology) e SPOT (Screening of Passengers by Observation Techniques) in uso negli aeroporti americani che utilizzano sensori per osservare le reazioni delle persone come l'aumento del battito cardiaco, la temperatura, la dilatazione delle pupille;

- il NGI (Next Generation Identification) dell'FBI che è un database di intelligence volto a migliorare o ampliare i servizi esistenti di identificazione biometrica e che aggiorna l'attuale sistema integrato automatico di identificazione delle impronte digitali e che tiene traccia dei cittadini con precedenti penali.

la Redazione

08.04.2013
 
ASIS Italy & Università degli Studi di Roma Tor Vergata - Corso per Security Manager

Il Corso, patrocinato da ASIS International - Italy Chapter, è qualificato dal CEPAS, conforme al Decreto 1 dicembre 2010 n.269 ed alla norma UNI 10459 del marzo 1995 "funzioni e profilo del professionista della security aziendale".

L'inizio del Corso è previsto per il 19 aprile 2013 presso le aule di formazione di Certiquality in via Gaetano Girdino 4 a Milano.

E' possibile presentare richiesta di ammissione fino al 5 aprile 2013 e speciali corso sono riservati ai membri ASIS International - Italy CHapter.

Per ulteriori info:

Segreteria Organizzativa CISPA - Università degli Studi di Tor Vergata

via Bernardino Alimena, 5 - 00173 ROMA

tel 06 7259 3375

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. oppure Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.